Industria Culligan

Acqua per dialisi e acqua per il settore medicale

  • Before-Bi-Osmosi in Emodialisi
    After-Bi-Osmosi in Emodialisi
    Impianto ApertoBi-Osmosi in EmodialisiImpianto Chiuso

Impianti per il trattamento dell’acqua per emodialisi con osmosi inversa Culligan

La qualità dell’acqua per dialisi utilizzata negli ospedali è un requisito essenziale, per un efficace trattamento di dialisi, che deve essere pronto e efficiente in qualsiasi momento.

Con un sistema di trattamento ad osmosi inversa Culligan per l’acqua medicale (bi-osmosi) vengono rimossi oltre il 99,9% dei contaminanti presenti nell’acqua. Qualità e sicurezza per un’acqua ultrapura in ogni situazione.

45 ANNI DI ESPERIENZA – Culligan ha oltre 45 anni di esperienza nei sistemi di trattamento dell’acqua per il settore dialitico, installando la tecnologia della bi-osmosi con certificazione medica negli ospedali di tutto il mondo.

LA MIGLIORE TECNOLOGIA – Culligan è sempre stata all’avanguardia nelle nuove tecnologie per il trattamento dell’acqua introducendo i sistemi di trattamento a bi-osmosi (in serie a doppio passo) nel mercato della dialisi, diventati poi uno standard nel settore.

SERVIZIO OVUNQUE TU SIA – Con i team di assistenza locali e in oltre 90 nazioni del mondo, Culligan può rispondere a qualsiasi richiesta del cliente nel tempo più rapido possibile per assicurare che la fornitura di acqua per dialisi nei centri ospedalieri sia sempre disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

ASSICURAZIONE DI QUALITA’ – Tutti i sistemi Culligan di trattamento acqua medicale sono certificati secondo la norma per dispositivi medici inclusi UNI EN ISO 13485 e 93/42/EEC.

Impianti Culligan di Bi-Osmosi per uso dialitico

Culligan_bi_osmosi-con-sanitizzazione-termica

Aqua-Cleer® RO2 MD BiO THERMO

Avvalendosi dell’esperienza specifica ultratrentennale acquisita nel trattamento acqua medicale, Culligan ha messo a punto il dispositivo medico per la produzione di acqua per dialisi RO2 MD BiO THERMO.

L’innovativo sistema di sanitizzazione del dispositivo RO2 MD BiO THERMO impiega acqua medicale riscaldata a 85° C (185° F) per eliminare i microrganismi che possono proliferare sulle superfici del sistema di trattamento e nel circuito di distribuzione. Questo consente di ridurre notevolmente o di eliminare il ricorso alla sanitizzazione chimica, assicurando un risparmio in termini economici ed evitando al tempo stesso la manipolazione e lo smaltimento di sostanze chimiche. Questo sistema utilizza membrane a osmosi inversa specificamente concepite per resistere alle temperature elevate del processo di sanitizzazione.
L’unità di sanitizzazione è collegata mediante comuni raccordi rapidi al sistema RO principale ed è disponibile in due configurazioni: in linea o con serbatoio di accumulo.

La sanitizzazione può essere programmata per essere eseguita di notte, quando le unità di dialisi non sono utilizzate per i pazienti, o a richiesta.
Il sistema RO2 MD BiO THERMO è formato da due distinti sistemi che trattano l’acqua con l’osmosi inversa e che funzionano in serie per produrre acqua medicale di elevata qualità e purezza.

Tutti i modelli Aqua-Cleer® RO2 MD BiOTHERMO sono dotati di quadro PLC

RO2-new1_dialisi
bi-osmosis_screen

Aqua-Cleer® RO2 MD BiO

Per portate fino a 3800 l/h

La bi-osmosi Culligan R.O.2 MD BiO è in assoluto il nostro sistema di trattamento dell’acqua per dialisi più evoluto.

Completo di interfaccia utente dotata di un intuitivo “touch screen”, la R.O.2 MD BiO non è soltanto semplice da usare, ma, grazie ai sistemi di sicurezza intrinseca a prova di guasto all’interno dell’unità, puoi avere la garanzia di una fornitura d’acqua continua in ogni momento.

L’utente può controllare rapidamente e accuratamente tutti i parametri chiave come la qualità dell’acqua, la pressione di funzionamento, le portate e i dati sul consumo di acqua grazie alla strumentazione avanzata e alle visualizzazioni di diagrammi di flusso di facile interpretazione, unitamente a efficaci strumenti grafici.

Il quadro automatico di controllo a PLC garantisce il corretto funzionamento dell’impianto anche in caso di avaria di uno stadio osmotico. Attraverso sensori interni, l’impianto commuta in automatico e senza necessità di intervento da parte dell’operatore, il funzionamento da bi a mono osmosi, in modo da poter assicurare il proseguimento delle attività dialitiche, senza recare disagi ai pazienti e agli operatori.

Per quanto riguarda la sicurezza e l’affidabilità, il sistema di trattamento per emodialisi Culligan R.O.2 MD BiO è stato progettato per minimizzare il consumo di acqua e per essere il più efficiente possibile dal punto di vista energetico, aiutandoti a risparmiare denaro e ad essere allo stesso tempo rispettoso dell’ambiente.

Il pre-trattamento è effettuato utilizzando l’ultima gamma di filtri e addolcitori Culligan HE (High Efficiency – Alta efficienza).

Assistenza continua – Servizio e manutenzione

Culligan sa che la tranquillità mentale relativa alle attrezzature usate in tutti gli stadi dell’assistenza al paziente è fondamentale. Noi crediamo che l’installazione delle attrezzature per il trattamento dell’acqua sia solo il primo passo per una lunga collaborazione di assistenza.

Con una presenza in oltre 90 nazioni del mondo Culligan conta su una posizione unica che rende possibile fornire assistenza post-vendita alle tue attrezzature per il trattamento d’acqua per la dialisi ovunque tu sia.

Oltre alle visite di manutenzione, la sostituzione dei materiali di consumo e gli interventi per la manutenzione d’emergenza, Culligan può anche fornire prodotti chimici per il trattamento d’acqua e servizi d’igiene, in modo da garantirti un approccio olistico al trattamento d’acqua nella cura della salute.

Scopri come Culligan può fornire una soluzione d’acqua completa per le tue applicazioni sanitarie.

Domande frequenti

L’emodialisi è un metodo per depurare il sangue meccanicamente al di fuori del corpo, per rimuovere varie sostanze che normalmente sarebbero eliminate dai reni. L’emodialisi viene praticata quando la funzionalità renale di un individuo è in parte o totalmente compromessa.
Durante l’emodialisi, il sangue del paziente dializzato fluisce in un rene artificiale, conosciuto come dializzatore, dove scorre attraverso una sottile membrana semipermeabile mentre nel frattempo un fluido dializzante (soluzione di sale isotonica) scorre attraverso l’altra parte della membrana in un flusso controcorrente. Le piccole molecole, come quelle dei residui metabolici, si propagano attraverso la membrana, passando dal lato di maggiore concentrazione a quello in cui la concentrazione è minore. In questo modo i prodotti di scarto metabolico passano dal sangue al dializzante, il quale viene rimosso per drenaggio.

* Gale Encyclopedia of Medicine. Copyright 2008 The Gale Group, Inc. Tutti i diritti riservati.

La qualità dell’acqua usata nei sistemi di emodialisi è di importanza fondamentaleI pazienti in emodialisi sono estremamente vulnerabili alle sostanze contaminanti (chimiche e microbiologiche) presenti nell’acqua, a causa dell’impossibilità di espellerle. Durante la dialisi il pericolo di contaminazione è molto elevato perchè il sangue del paziente e il dializzante sono separati solo da una sottile membrana semipermeabile.
pazienti, durante le sedute dialitiche, sono esposti a enormi volumi d’acqua: un individuo sano consuma 2 litri al giorno o 14 litri a settimana, mentre un paziente in emodialisi può essere esposto settimanalmente a circa 350 litri per un trattamento HD standard e 720 litri di soluzione ultrapura per i trattamenti HDF ON LINE.

Il dializzante è una miscela d’acqua purificata e di soluzione salina, la quale può includere cloruro di sodio, bicarbonato di sodio o acetato di sodio, cloruro di calcio, cloruro di potassio e cloruro di magnesio. Il dializzante è composto per il 95% circa da acqua purificata.

La qualità dell’acqua usata nei sistemi di emodialisi è di importanza fondamentaleI pazienti in emodialisi sono estremamente vulnerabili alle sostanze contaminanti (chimiche e microbiologiche) presenti nell’acqua, a causa dell’impossibilità di espellerle. Durante la dialisi il pericolo di contaminazione è molto elevato perchè il sangue del paziente e il dializzante sono separati solo da una sottile membrana semipermeabile.
pazienti, durante le sedute dialitiche, sono esposti a enormi volumi d’acqua: un individuo sano consuma 2 litri al giorno o 14 litri a settimana, mentre un paziente in emodialisi può essere esposto settimanalmente a circa 350 litri per un trattamento HD standard e 720 litri di soluzione ultrapura per i trattamenti HDF ON LINE.

La qualità dell’acqua usata nei sistemi di emodialisi è di importanza fondamentaleI pazienti in emodialisi sono estremamente vulnerabili alle sostanze contaminanti (chimiche e microbiologiche) presenti nell’acqua, a causa dell’impossibilità di espellerle. Durante la dialisi il pericolo di contaminazione è molto elevato perchè il sangue del paziente e il dializzante sono separati solo da una sottile membrana semipermeabile.
pazienti, durante le sedute dialitiche, sono esposti a enormi volumi d’acqua: un individuo sano consuma 2 litri al giorno o 14 litri a settimana, mentre un paziente in emodialisi può essere esposto settimanalmente a circa 350 litri per un trattamento HD standard e 720 litri di soluzione ultrapura per i trattamenti HDF ON LINE.

Non trovi ciò che stai cercando o desideri ulteriori informazioni?